100 ANNI DI PRO

BUSTO ARSIZIO 1919 - 2019

STATUTO

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE "100 anni di PRO"

 (ESTRATTO ARTICOLI)

 

Articolo 1 – Denominazione

E' costituita in Busto Arsizio (VA), in Via Pozzi n. 7, una associazione culturale, ai sensi degli articoli 36 e seguenti del Codice Civile, avente durata illimitata e denominata:

“100 anni di PRO”.

Articolo 2 - Scopo

L'associazione è laica, apolitica, apartitica, ha carattere volontario e non ha scopo di lucro; si ispira ai valori di democrazia, libertà, tolleranza, solidarietà e partecipazione propri della Costituzione italiana e dell’Unione Europea. Durante la vita dell’associazione non potranno essere distribuiti, anche in modo indiretto o differito, avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale. Gli utili che dovessero scaturire dalla gestione dovranno essere interamente reinvestiti nell’ambito dell’attività istituzionale dell’associazione.

L’associazione con l’azione diretta, personale e gratuita dei propri associati, persegue finalità di approfondimento e divulgazione culturale.

L’associazione in particolare si propone i seguenti scopi, promuovendo varie attività, quali ad esempio:

  • realizzare eventi, momenti di incontro e conferenze, finalizzati a sostenere economicamente tutte le iniziative formative e culturali dell’associazione;
  • diffondere materiale pubblicistico e gadget attraverso iniziative sul territorio;
  • promuovere la storia della società calcistica Pro Patria et Libertate a 100 anni dalla sua fondazione, ampliandone la conoscenza attraverso contatti fra persone, enti, associazioni e scuole;
  • proporsi come luogo di incontro e di aggregazione nel nome di comuni interessi culturali assolvendo alla funzione sociale di maturazione e crescita umana e civile.

E’ fatto divieto all’associazione di svolgere attività diverse da quelle sopraelencate.

L’associazione potrà, tuttavia, svolgere attività direttamente connesse a quelle istituzionali, ovvero accessorie in quanto integrative delle stesse.

L'associazione è altresì caratterizzata dalla democraticità della struttura, dall’uguaglianza dei diritti di tutti gli associati e dall'elettività delle cariche associative; si deve avvalere prevalentemente di prestazioni volontarie, personali e gratuite dei propri aderenti e non può assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo se non per garantire il proprio regolare funzionamento o meglio assicurare il perseguimento degli scopi statutari.

Articolo 24 - Patrimonio

Il patrimonio dell’associazione è costituito da:

  • beni mobili e immobili che le potranno pervenire per acquisto, legati, donazioni ed altre cause;
  • eventuali fondi di riserva costituiti con specifica destinazione.
  • Le entrate dell’associazione sono costitute da:
  • quote associative nella misura determinata annualmente dal Consiglio Direttivo;
  • elargizioni, erogazioni, donazioni e lasciti degli associati e/o di terzi;
  • erogazioni e contributi concessi da Enti Pubblici locali, nonché da altri Enti pubblici e/o privati;
  • contributi versati dai partecipanti ad iniziative ed eventi organizzati dall’associazione, da sola o in cooperazione con altri soggetti, e più in generale ogni provento derivante dalle attività organizzate dall’associazione. 
  • All’associazione è vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili e/o avanzi di gestione comunque denominati, nonché fondi, riserve o capitali, durante la vita dell’associazione stessa, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge.
  • L’associazione ha l’obbligo di impiegare gli utili e/o gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali o di quelle direttamente connesse.

Articolo 26 – Gratuità delle cariche

Tutte le cariche elettive sono gratuite.